Coordinamento CdB ottobre 2016

Collegamento nazionale delle CdB

Firenze: sabato 1 e domenica 2 ottobre 2016

Verbale

Nei giorni 1 e 2 ottobre 2016 si è riunito a Firenze, ospitato dalla Comunità dell’Isolotto, il Collegamento nazionale delle Comunità cristiane di base italiane, per discutere e deliberare sul seguente “Ordine del giorno”:

1. Valutazioni sul XXXVI° Incontro nazionale di Verona
2. Segreteria Tecnica: rotazione anticipata e nuovo mandato
3. Bilancio economico: Conto corrente, contribuzioni e preventivo 2017,
contributo “agenda della pace”
4. Sito web: stato dell’arte e prospettive
5. Iniziative e impegni futuri: Incontro Europeo CdB 2018 in Italia
6. Adesione alla rete europea “Réseau européen Eglises et Libertés”
7. Prossimo collegamento
8. Altri argomenti che potrete suggerire

Verbale dell’incontro

Sabato 1 ottobre 2016

I lavori hanno inizio alle ore 16,00.

Presenti: 15+7
– Massimiliano Tosato e Paola Pancaldi – CdB Bologna
– Rosario Carlig – CdB Nord Milano
– Paolo Ferrari e Anna Caruso – CdB La Porta, Verona
– Claudia Dauru, Giuseppe Bettenzoli, Luciana Angeloni – CdB Isolotto, Firenze
– Beppe Pavan e Paolo Sales– CdB Viottoli, Pinerolo
– Marcello Vigli, Stefano Toppi e Dea Santonico – CdB San Paolo, Roma
– Francesco Giusti – CdB via di Gap, Pinerolo
– Cristofaro Palomba e Corrado Maffia – CdB Cassano, Napoli

la domenica mattina sono giunti anche
– Pina del Nevo – CdB Coteto, Livorno
– Mario Francini – CdB Luogo Pio, Livorno
– Beppe, Laura, Donata e Mauro – CdB Modena
– Paola Ricciardi – CdB Isolotto, Firenze

Dopo aver ringraziato la Comunità dell’Isolotto, che ci ospita ancora una volta, ha inizio la riunione.

1. Valutazioni sul XXXVI° Incontro nazionale di Verona

E’ stato fatto un giro di tavolo per raccogliere impressioni e valutazioni di ciascuno dei presenti che hanno partecipato all’incontro nazionale di Verona.

La valutazione sull’incontro è stata complessivamente positiva.

alcune testimonianze

Cristofaro: incontro molto stimolante, ottima la localizzazione e i costi
Stefano: valutazione complessivamente positiva; la tavola rotonda è stata un po’ troppo omogenea e prevalentemente positiva nella valutazione del papato di Francesco
Marcello: eviterei la eccessiva presenza di “banchetti”
Rosario: a Milano siamo riusciti siamo riusciti a stimolare alla partecipazione all’incontro di Verona diverse persone, che da tempo non venivano. Tutte hanno espresso un giudizio positivo dell’incontro,sia per l’interesse reale dei temi trattati e sia per la presenza di tanti veronesi presenti non facenti parte delle CdB.
Francesco : la presenza di altre realtà ha rappresentato un valore aggiunto molto importante
Paolo F.: a Verona il 16 maggio è stato fatto un incontro con le realtà locali,che hanno espresso diverse valutazioni:

ecco alcune opinioni espresse
– apprezzata la validità della celebrazione eucaristica molto coinvolgente;
– il clima umano e familiare dell’incontro;
– aver re incontrato persone che non partecipavano da tempo;
– si è sentita una “affettività politica”;
– ho apprezzato il sorriso e la leggerezza dell’incontro (don Paolo parroco di Marcellise);
– abbiamo fatto un sogno e siamo riusciti a realizzarlo con la gente di questa città, e occorre guardare alla condivisione dei cammini (Luigi comunità della Madonnina);
– tavola rotonda troppo lunga e gestita con modalità vecchia e ripetitiva, domande generiche e poco incisive;
– sono mancati documenti su alcune questioni calde (Brennero);
– “Quali progetti di otri nuovi?”;
– è mancata una sintesi finale.
Anna: l’incontro ha aperto alcune prospettive e ha marcato la presenza della comunità per un cammino comune e un maggior coinvolgimento.
Beppe P.: giudizio positivo circa la partecipazione con apprezzamento per la presenza di giovani e di alcuni approcci internazionali. Faticosa e poco utile la sintesi finale dei lavori di gruppo, nella modalità prevista in questo caso.
Giuseppe: molto apprezzata la sistemazione logistica e i laboratori; eccessivo il numero di relatori alla tavola rotonda, poco incisiva le conduzione del dibattito. Sarebbe comunque utile recuperare i materiali
Corrado: importante la partecipazione di gruppi non omogenei alle comunità di base;
il coinvolgimento di altre realtà è una strada da percorrere nel futuro; chi gestisce i laboratori dovrebbe comunque realizzare una sintesi
Marcello: occorre capire cosa abbiamo ricavato per rilanciare il movimento. E’ necessario mantenere l’attenzione al mondo giovanile sfruttando il momento un po’ più favorevole a noi.
Peccato la mancanza di un documento finale.
Partendo dalla stampa (minore) già vicina a noi, sarebbe utile allargare la cerchia, tramite qualche grosso nome che possa farci “arrivare” ala stampa che conta.

Si è posticipato il punto 2 e si è passati a discutere del punto 3 (per consentire una immediata valutazione anche economico organizzativa dell’incontro nazionale)

3. Bilancio economico: Conto corrente, contribuzioni e preventivo 2017
Contributo per l’ Agenda della pace

La segreteria tecnica ha esposto alcuni dati di rendiconto economico e sulla partecipazione al XXXVI° incontro
(v. allegati 1 e 2)

Attualmente sul Conto di deposito della segreteria Tecnica vi sono: 4.360,90 euro

Non è stato fatto un preventivo per il 2017 non avendo al momento definito e quantificato i reali impegni per il prossimo anno, e anche in funzione della rotazione della segreteria Tecnica (v. punto 2 di seguito).

Il solo preventivo possibile è quello relativo alle spese “fisse”

causale € note
contributo collettivo EU 100,00
trasferta collettivo EU 400,00 media spese anni 2011-2015
server sito cdbitalia 100,00
totale 600,00

terminato il punto 3 si è proseguito con il punto 5.
il punto 4 viene rimandato a domenica in attesa della presenza dei modenesi – in particolare di Mauro Pugni che fa parte della redazione.

5. Iniziative e impegni futuri: Incontro Europeo CdB 2018 in Italia
Massimiliano riferisce sulla proposta fatta nell’ultimo incontro del “Collettivo europeo delle Cdb” circa l’intenzione di organizzare in Italia il prossimo “Incontro europeo delle Cdb”.
La scelta dell’Italia è legata alla rotazione e anche alla concomitanza che attualmente il segretario è italiano.

La proposta è di fare l’incontro a Roma il 12,13 e 14 ottobre 2018.
Ovviamente data e luogo sono soggetti alla verifica della reale fattibilità in quella data (sul luogo sarebbe preferibile restare a Roma)

Circa le tematiche, tenuto conto della situazione attuale vissuta in Europa in rapporto alla questione dei migranti le parole d’ordine identificate sono: la solidarietà, gli immigranti, la povertà.
Il titolo proposto è: “Una Chiesa povera per i poveri”
Una caratteristica dei convegni europei è quella di realizzarli in un luogo dove siano presenti comunità locali con le quali condividere strettamente l’incontro.
Nei precedenti incontri europei: Vienna 2009 e Buizingen (Bruxelles) 2014, gli incontri sono stati fatti direttamente nelle sedi di comunità che – diversamente dall’italia – erano anche sedi parrocchiali.
L’ospitalità: alloggio, pasti, locali di incontro,… sono stai totalmente a carico della nazione ospitante. I partecipanti stranieri (un centinaio in ambedue ei casi) si sono fatti carico in proprio delle sole spese di viaggio.

In italia al momento non esistono condizioni paragonabili per cui la sola soluzione possibile è far ricorso a strutture esterne: alberghi o strutture di ospitalità.
Questa soluzione comporterebbe però un carico economico non sostenibile appieno dalle sole CdB italiane.
Sono state perciò valutate le possibili alternative economicamente sostenibili: in ogni caso si dovrebbe prevedere un contributo economico anche dei partecipanti provenienti dalle altre nazioni.
Una soluzione a costi accettabilmente contenuti potrebbe essere Verona presso il CUM.
Tale proposta, assieme ad eventuali altre, sarà comunque valutata dal collettivo europeo cui spetterà la gestione dell’evento.

Si è poi discusso dei probabili/possibili impegni a livello nazionale per il 2017.

Prossimo incontro nazionale delle CdB italiane

Considerato che nel 2017 saranno “500 anni dalla Riforma Protestante” si è ipotizzato di realizzare il prossimo incontro nazionale assieme ai gruppi riformati italiani, in particolare con i fratelli e sorelle della FCEI (valdesi, luterani, riformati, battisti e metodisti).

Su questa ipotesi si è sviluppato un ricco scambio di opinioni senza però la definizione di tenatiche specifihe o problematiche organizzative e partecipative, essendo necessaria una preventiva verifica delle possibilità e diponibilità dei partner “protestanti”.

A tale scopo Stefano Toppi è stato incaricato di verificare la fattibilità di tale proposta con la direzione di “Confronti” e/o referenti della FCEI

I dettagli e le modalità di realizzazione dell’incontro saranno discusse e valutate nel prossimo incontro di Collegamento nazionale.
Oltre alla proposta per il 37° incontro nazionale è emersa la proposta di incontri seminariali sui temi trattati nel libro “Oltre le Religioni” (autori: John Shelby Spong – María López Vigil – Roger Lenaers – José María Vigil; Prefazione di Marcelo Barros). (v. Allegato 3 – in calce).
Proposta che è stata accolta con molto favore da gran parte dei presenti.

Nel prossimo incontro di collegamento verranno stabilite data e modalità per la realzzaizone dell’incontro seminariale.

—> nota
Da accordi con Gabrielli editore è possibile acquistare il libro con il 30% di sconto.
La Segreteri Tecnica, in collaborazione con Paolo Ferrari, si occuperà delle prenotazioni.
La consegna del libro ai richiedenti sarà fatta in occasione del prossimo collegamento naz/le.

Tra gli impegni futuri si ricorda che 2016 ci saràanno

18 – 20 novembre 2016 presso il CUM di Verona,
XXII incontro nazionale DONNE Cdb e …oltre
Il tempo dell’attesa. Intreccio fra esperienza spirituale e vita quotidiana

2. Segreteria Tecnica: rotazione anticipata e nuovo mandato

Massimiliano espone le ragioni della remissione del mandato.

L’argomento è posto all’ordine del giorno a causa della mia impossibilità di proseguire oltre questa data l’impegno straordinario che avevo accettato nel dicembre 2014.

La scelta fatta allora, con non poche difficoltà, non è più per me sostenibile per tre ordini di problemi
– primo: l’impegno richiesto è gravoso se a carico di una sola persona, e nella prospettiva dei prossimi impegni nazionali (ed europei) delle CdB mi sarebbe molto difficile farne fronte correttamente sia fisicamente che mentalmente
– secondo: la concomitanza del mio impegno per la segreteria del “Collegamento europea delle CdB” (precedente al mio impegno con la segreteria tecnica nazionale) non è più compatibile
– terzo: problemi personali/familiari

Ritengo inoltre che alla luce della evoluzione avvenuta negli anni all’interno delle CdB italiane, complice anche l’invecchiamento dei suoi membri, si debba riconsiderare la funzione della Segreteria Tecnica individuando soluzioni che superino il tradizionale affidamento di tale funzione ad una singola comunità.

Si è aperta una discussione sulla valenza e sulle funzioni della Segreteria Tecnica che ha confermato, nella stragrande maggioranza, la scelta di affidare, a rotazione, la Segreteria Tecnica ad una comunità.

Considerati i precedenti mandati e al termine di un confronto vivace e ampio, terminato la domenica mattina, la comunità di Pinerolo-Viottoli ha accettato di assumere l’incarico della Segreteria Tecnica per il prossimo triennio (2017-2019).

Domenica 2 ottobre 2016

L’incontro è ripreso la domenica mattina con la presenza di altri partecipanti delle comunità di Modena e Livorno.

Da parte di molti dei partecipanti è stato espresso il desiderio di partecipare alla celebrazione eucaristica della comunità che si sarebbe svolta alla 10,30, in locali attigui.
In questa occasione non è stato possibile dar seguito a questo “desiderata”.
In caso di futuri incontri all’Isolotto ci si organizzerà, in accordo con la comunità stessa, per favorire la partecipazione del “collegamento” alla celebrazione, magari valutando un orario compatibile con le esigenze di ambedue i gruppi.

4. Sito web: stato dell’arte e prospettive

Paolo Sales ha presentato la situazione attuale relativamente alla gestione del sito web.
Ha ribadito innanzitutto la necessità (già espressa anche nei precedenti Collegamenti) di affidare ad altri la gestione redazionale del sito.

Proprio in considerazione di ciò
– da qualche tempo non viene più fatto l’aggiornamento settimanale del sito, come avveniva precedentemente e conseguentemente la parte dinamica ora è ridotta al solo “Primo Piano”.
– ha preferito dedicarsi principalmente alla pagina Facebook che si è dimostrata più efficace in termini di attrazione/attenzione verso le nostre tematiche.

Attualmente è esiste anche un account Twitter (a seguito di novità contrattuali relative al servizio di server in atto).
Sarebbe utile che qualcuno, che frequenta con continuità Twitter, potesse occuparsi anche di tale opportunità.

Al momento oltre a Paolo la redazione è composta da Marcello e Mauro Pugni (cdb Modena).
La maggiore criticità sta nella bassa affluenza di materiali da parte delle comunità; inoltre sarebbe utile ridefinire il ruolo del sito a fronte degli strumenti di comunicazione in essere.
In particolare sarebbe utile che le stesse comunità potessero alimentare la pagina Facebook autonomamente in modo diretto:magari creando un gruppo Facebook ad hoc.
E’stata riproposta la ipotesi di riorganizzare il sito privilegiando la funzione di “contenitore” della documentazione delle CdB realizzando una “fusione” con l’archivio delle CdB di Firenze, unificando a livello digitale tutti i contenuti in un unico sito.

Paola Ricciardi relaziona sullo stato dell’arte della archivio, in particolare sul software “Archimista” usato per la gestione digitale del progetto, di cui attualmente esiste una versione web denominata “Archivista”.

Il progetto Archivio delle CdB continua con la collaborazione di Barbara Grazzini, ma nel 2105 e 2016 non ha più avuto il contributo della Tavola valdese.
Questo comporterà la necessità in futuro di definire la continuità del progetto stesso.

Alcuni interventi in particolare: Corrado, Cristofaro, Paolo Stefano e Massimiliano hanno sottolineato l’esigenza di integrare e gli “archivi” dei due siti, consentendo una fruizione diretta di tutti i documenti già disponibili in digitale (nelle diverse forme possibili)e anche dei paradati (schede) contenuti in Archimista.
Ciò per facilitare una semplice ed efficace consultazione da parte degli utenti, in particolare quelli che non hanno adeguata dimestichezza con gli strumenti informatici.

Al termine della discussione sul sito Rosario Carlig ha accettato di fare da coordinatore della di redazione e revisore dei contenuti coadiuvato da Mauro Pugni che formeranno il nucleo portante della redazione.

Al termine della discussione sul sito, su proposta di Marcello Vigli al quale vanno fatto infiniti ringraziamenti per la sua disponibilità in tutti questi anni, Rosario Carlig della CdBNordMilano ha accettato di fare da coordinatore della redazione e revisore dei contenuti, coadiuvato da Mauro Pugni per le altre attività redazionali. Insieme formeranno il nucleo portante della redazione,per cui d’ora in poi per qualsiasi problema inerente il sito bisogna rivolgersi a Rosario (cell.3397952637 ,email rcarlig@virgilio.it).
Paolo Sales mantiene la gestione tecnologica del sito.

In conclusione si è poi affrontato il nodo della gestione dei comunicati stampa.
Stante la minor disponibilità di Marcello a proseguire nella funzione di stimolo e gestione del gruppo “comunicati” (*), verrà richiesto a Gilberto Squizzato, che già faceva parte del gruppo, di assumere il ruolo di produrre la prima bozza.
Rosario Carlig contatterà direttamente Squizzato per verificare tale proposta.
Le modalità di funzionamento del gruppo rimarranno immutate.
La diffusione dei comunicati sarà fatta, come già attualmente, dalla Segreteria Tecnica
(*) Anna Caruso, Francesco Giusti, Beppe Manni, Gabrielle Natta, Palo Sales, Gennaro Sanges, Stefano Toppi, Massimiliano Tosato, Marcello Vigli.

Per ragioni di tempo non è stato possibile affrontare il punto 6 all’o.d.g.: Adesione alla rete europea “Réseau européen Eglises et Libertés”, la cui discussione è rinviata la prossimo Collegamento.

7. Prossimo collegamento
A conclusione dell’incontro si è definita la data del prossimo collegamento che si terrà il 21 e 22 gennaio 2017.
Il luogo è ancora da definire: una prima soluzione – nella ipotesi di poter consolidare un luogo permanente per gli incontri di collegamento – è Firenze.
Tale soluzione è legata alla verifica della possibilità di trovare una collocazione logistica in zona (Polisportiva?) che consenta di mantenere un legame con la comunità senza aggravare troppo la Comunità stessa.

Qualora l’ipotesi Firenze non fosse praticabile, la segreteria tecnica valuterà quale soluzione logistica adottare.

Alle 12,12 i lavori del collegamento sono conclusi, ma l’incontro è continuato con un ottimo e abbondante pranzo comune, preparato dalla comunità dell’Isolotto, cui è stata espressa una sincera gratitudine per l’impegno profuso nell’accoglierci.
Grazie ancora a Tina, Francesco, Claudia, Giuseppe, Luciana e a tutti e tutte membri della comunità, di cui purtroppo non ricordo i nomi.

Bologna, 6 ottobre 2016

Advertisements

Messo il tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...